martedì 28 aprile 2015

Anteprima "Oro Rosso - Vivere e morire per il sushi"

Cari lettori,
vi propongo un libro che mi è stato segnalato e che mi ha incuriosito fin dalla prima volta che ne ho letto la trama. Adoro il sushi e non ho mai letto un thriller culinario. Ci può essere una miglior combinazione per sceglierlo?

Titolo: Oro Rosso - Vivere e morire per il sushi
Autore: Tom Hillenbrand
Genere: Thriller Culinario
Collana: Biblioteca del Giallo
Pagine: 288
Prezzo: 16,00
Data di pubblicazione: Marzo 2014









Trama:
Dal momento che lo chef lussemburghese Xavier Kieffer è apprezzato dal più celebre critico gastronomico di Francia, è sempre invitato agli eventi più esclusivi. Ma la cena lussuosa al museo d'Orsay, organizzata dal sindaco di Parigi, termina dopo l'antipasto: Ryuunosuke Mifune, il più famoso cuoco di sushi in Europa, improvvisamente muore. La diagnosi è avvelenamento da pesce. Ma Kieffer è scettico e scopre rapidamente le contraddizioni del caso. Si tuffa nel mondo della cucina giapponese rendendosi conto che ci sono pesci più costosi dell’oro - e più preziosi di una vita umana.

Segnalazioni Aprile #1

So che siamo ormai alla fine di Aprile, ma ho deciso comunque di proporvi una segnalazione. Magari trovate un romanzo interessante ^_^


Titolo: Il nostro giorno
Autore: Ilaria Pasqua
Genere: narrativa
Editore: Leucotea Edizioni
Pagine: 125
Formato: cartaceo (e disponibile anche in digitale)
Uscita: 17 marzo 2015
Link: qui


Feltrinelli: http://bit.ly/1DeFikC
Libreria universitaria: http://bit.ly/1Ctyr1y
Libreria Rizzoli: http://bit.ly/1aFBNJr


Trama:
 Davide porta avanti il gioco iniziato dai loro genitori per impedire alla bambina di capire cosa sta succedendo. E così farà anche Enrico, un ragazzino dei quartieri ricchi che li nasconde in casa sua rischiando molto. Nonostante una prima iniziale diffidenza nascerà una bellissima amicizia che li salverà da un destino orribile. Continueranno a giocare tutti insieme, trascinati dai sogni magnifici di Flaminia, fino a quando non finirà la guerra, fino a quando non sfiorirà del tutto l’infanzia.
“Devo portarla via di qui” è l’unico pensiero che Davide ha in mente mentre corre via dal ghetto insieme a sua sorella Flaminia, di cinque anni. È la mattina del 16 ottobre 1943 e i due ragazzini sono rimasti soli in una Roma che non riconoscono più. I tedeschi hanno preso in mano le redini della città, e loro non sanno dove rifugiarsi per sfuggirgli.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...